Loading...

Il Social Media Manager si occupa di gestire le attività sui social networks di un’azienda, un brand, un’organizzazione – oppure anche di un VIP o un personaggio pubblico (cantanti, attori, sportivi, politici ecc.).

Vediamo cosa fa un Social Media Manager, più in dettaglio:

Nel concreto, un Social Media Manager si occupa della gestione operativa di profili, pagine e account ufficiali dell’azienda o del cliente sui social networks, tra cui ad esempio Facebook, Twitter, Instagram, YouTube, LinkedIn, Pinterest, Snapchat, ed eventualmente anche del blog aziendale. Usa le diverse piattaforme social per interagire con gli utenti e creare una community attiva. Il Social Media Manager analizza e interpreta i dati provenienti dal web e dai social media attraverso tools di analisi e ascolto della rete, per individuare trend, hashtag e identificare il target delle attività di marketing e comunicazione. Elabora quindi una strategia di brand communication efficace e sceglie quali piattaforme social utilizzare per la comunicazione. Definisce poi un piano editoriale per la creazione di contenuti per i social network, studiati ad hoc in base al pubblico di riferimento: testi, immagini, GIF, video, sondaggi, contest interattivi, campagne viral per stimolare l’interesse e la partecipazione degli utenti e aumentare il numero dei followers e delle condivisioni (social media shares).

Una volta definita la social media strategy da adottare, la giornata lavorativa tipica del Social Media Manager prevede: la pubblicazione di post e contenuti virali sui profili social (oltre che sul blog aziendale, se presente), il monitoraggio del numero di followers, like, retweet e condivisioni, la ricerca di contenuti interessanti e hot topics da condividere in linea con la brand identity aziendale, la gestione dei rapporti con bloggers e influencers. Redige poi report sull’attività svolta, da presentare al Marketing Manager. Spesso il Social Media Manager si occupa anche dell’interazione con gli utenti (tramite messaggi, tweet, chat) e della moderazione dei commenti, nonché di campagne di social ads e pubblicazione di post a pagamento, anche se propriamente le figure preposte a queste funzioni sono rispettivamente il Community Manager e il Social Media Marketer.

Per ottimizzare l’attività quotidiana, il Social Media Manager si avvale di tools per il monitoraggio dei social media e per la misurazione della performance (come Facebook Insights, Google Analytics e molti altri), di strumenti per la ricerca keywords per ottimizzare i contenuti in ottica SEO, di programmi di grafica e video-making, e di software per pianificare la pubblicazione di post su più canali. Inoltre, l’attuazione della strategia social può richiedere la collaborazione di altre figure professionali del team marketing e comunicazione, come il copywriter, il grafico web o il videomaker. Il Social Media Manager può lavorare come dipendente o collaboratore in una web agency o in una agenzia di comunicazione che offre servizi di gestione dei canali social (come social media agency), oppure all’interno dell’ufficio marketing di un’azienda o ente. Dopo aver maturato esperienza come dipendente, è poi possibile lavorare come consulente freelance esperto in social media management, tenendo presente che la libera professione offre una maggiore autonomia e libertà d’azione, a fronte però di orari di lavoro molto variabili, che richiedono una notevole flessibilità.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *